Vous êtes une entreprise? Contactez-nous!
  • conseil ameublement

architecte-conseil

Perché è così importante una consulenza arredo per molti utenti finali, in particolare per quelli appartenenti a un target “alto” e che desiderano un arredamento di pregio, e perché è dunque essenziale produrre pannelli, laminati, profilati, prodotti semilavorati o finiti e componenti per mobili che sappiano farsi “scegliere” da architetti e progettisti? Una consulenza arredo è essenziale perché progettare un interno non è competenza di tutti: significa infatti unire le atmosfere con un filo conduttore unico, programmare gli spazi con coerenza, sviluppando soluzioni in armonia con l’ambiente, con i materiali e i rivestimenti scelti, proposti proprio dal comparto delle subforniture per l’arredo-design. Il percorso progettuale riveste dunque un’importanza strategica, dato che rappresenta la base di partenza per qualsiasi tipologia di intervento, sia in termini strutturali, sia in termini di scenografie di arredamento. Definire in modo appropriato le scelte, soprattutto nel caso di ristrutturazione o di nuovo cantiere, è inoltre un vantaggio economico considerevole poiché elimina tutte quelle doppie lavorazioni di tracciatura e di chiusura di impianti che sovente influiscono negativamente sul budget a disposizione. Ecco perché la consulenza di architetti, studi di architettura, interior designer e di tutte quelle figure professionali nate per progettari gli spazi e scegliere i prodotti e le finiture giuste è così importante. Ma in quali casi è meglio ricorrere al parere di un architetto? Non parliamo in questo articolo di pratiche catastali e burocratiche, per le quali una figura professionale è comunque essenziale per “districarsi”, ma di altre casistiche.

  • conseil d'ameublement

conseil d'ameublement

Il primo comparto che viene in mente pensando agli studi di architettura e alla consulenza arredo è quello della progettazione: ci si rivolge a questi professionisti quando si deve progettare un edificio o ristrutturarlo. L’esperto si occuperà di approntare tutti gli elaborati grafici necessari per descrivere al cliente il progetto nel modo più chiaro possibile. Successivamente si farà carico della direzione dei lavori e, al termine di questi, richiederà il certificato di agibilità dell’immobile. Ma un interior designer o architetto, ed è la consulenza arredo che ci interessa realmente in questo articolo, può occuparsi anche della progettazione dell’arredamento di abitazioni e locali commerciali. Facendo fede alle indicazioni e ai gusti del cliente, l’architetto può consigliare sia i prodotti in commercio più indicati, selezionandoli in base al budget del committente, ma anche disegnare pezzi su misura che farà realizzare da artigiani o imprese di fiducia. Spetta sempre a questa figura professionale selezionare la giusta illuminazione, come pure la scelta di tessuti e colori. Ecco perché i componenti per arredi e mobili devono avere una marcia in più, all’insegna di qualità e originalità, per farsi scegliere dai professionisti del comparto.

Demande d'information

Lire aussi: